Il nostro 2017 è stato un anno di conferme, di sfide, punti di partenza.
Una seconda edizione in cui il progetto è diventato ancora più grande allargandosi all’intera regione calabrese, grazie al finanziamento di Fondazione CON IL SUD. Più di mille giovani di 14 scuole hanno partecipato, cinque i team che si sono guadagnati la possibilità di fare impresa. Ventiquattro i beni comuni sparsi per il territorio, messi a loro disposizione dalle amministrazioni per essere valorizzati. Tante le persone che hanno creduto nel nostro impegno, grazie!

E’ stato un 2017 pieno, su questo non ci sono dubbi. Siamo partiti lanciando il nuovo sito, mettendoci dentro i protagonisti di questo viaggio alla riscoperta dei beni comuni che ci appartengono. Abbiamo raccontato chi e come, vuole farli rivivere.

Insieme alle associazioni che hanno fatto della nostra mission la loro, diventando LeTEAM, abbiamo formato gli studenti delle scuole superiori alla cultura d’impresa. Abbiamo dato loro la possibilità di manifestare ognuno le sue capacità, di tirare fuori entusiasmo e propositività per ridare valore ai beni comuni della loro città. Oltre il tempo di un singolo incontro, i ragazzi hanno deciso di seguire un format che ha dato loro il potere di cambiare sè stessi, il futuro, basandolo sulla social innovation.

Con loro abbiamo aperto la strada alla comprensione dell’incredibile: giovani che fanno impresa? Seee, ma dove? In Calabria? Abbiamo superato il silenzio, il “tanto figurati se” lasciando il posto alla convinzione del “ce la possiamo fare”, parafrasi di un motto entrato ormai nel nostro lessico: “ciaputimufà”.

E cinque team hanno portato a casa l’opportunità di riuscirci. Si preparano a battezzare legalmente la loro impresa, a decidere la forma giuridica che sancirà la loro unione di intenti, sogni e ambizione. OTAKUBE sarà il primo fablab dedicato al cosplay in un cubo in disuso della Città dei ragazzi di Cosenza. Aperto agli amanti del genere, che finalmente avranno la possibilità di esprimere la loro passione. Experience House creerà a Pizzo, nella sede della vecchia Tonnara, uno spazio condiviso che ospiterà “nomadi digitali”. Virtual Agorà darà vita ad un percorso virtuale nel Parco Pitagora di Crotone, che racconterà in maniera innovativa il grande filosofo, la sua vita, le sue scoperte. Microtech trasformerà un’ex azienda agricola in un laboratorio di micro-propagazione per la creazione di piante certificate. ArgoMens darà alla sua Rosarno un luogo culturale con la Mediateca comunale Foberti che diventa uno spazio dove aggregarsi, formarsi e condividere saperi.

Tutte mete visibili, raggiunte e raggiungibili nel 2018 se ci mettiamo lo stesso coraggio e la stessa determinazione che in quest’anno hanno fatto crescere la nostra community. La Calabria non è solo il luogo dei “se” e dei “magari” e una terra come altre, dove rendere possibile l’impossibile dipende solo dal modo in cui scegliamo di vederla e di farne parte.
In fondo è anche questo il significato di Gira Il Mondo, che ha portato Giovani e Futuro Comune a diventare “Entrepreneurship Education through urban regeneration and commons valorisation”, il progetto europeo che insieme ad altri quattro partner darà a formatori, educatori, mentor le metodologie e gli strumenti per formare i giovani sui temi dell’autoimprenditorialità, della rigenerazione urbana, della valorizzazione dei beni comuni.
A tutti voi va il nostro grazie: giovani, scuole, partner, aziende, professionisti, associazioni, chi ci ha sostenuto e soprattutto chi ha dato fiducia ai ragazzi supportandoli, diventandone guida e ausilio. Senza di voi nulla sarebbe stato possibile. Grazie a Talent Garden Cosenza con cui abbiamo condiviso il premio Sodalitas per la Responsabilità sociale d’impresa. Un’importante riconoscimento a livello nazionale legato all’impegno del progetto per l’occupabilità e l’inclusione sociale dei giovani.

Grazie a Fondazione Vodafone, Fondazione CON IL SUD, 012 Factory, Giffoni Innovation Hub, Lavoradio, Heroes, Artemat, MEET Project, Lab duepuntozero, Cooperativa Nemesis, gli Spalatori di nuvole. Grazie alle amministrazioni che hanno aderito al progetto.

Grazie al Sibec, in particolare Pasquale Bonasora che ha seguito e seguirà i team nei patti di collaborazione con le rispettive amministrazioni. Grazie a Gregorio Arena di Labsus, per averci dato il confronto con realtà simili e diverse dalla nostra, per averci ascoltato in quest’anno con la promessa di continuare a farlo nel prossimo.

Grazie, a tutti quelli che fin qui non hanno avuto ripensamenti, chi ci ha creduto, chi si è fermato e chi è andato avanti. A tutti in bocca al lupo e che in questo nuovo anno possiate arrivare lontano anche senza spostarvi…

…buon 2018!