La settimana appena trascorsa ha segnato un altro piccolo traguardo per i ragazzi di Giovani e Futuro Comune. Insieme a Pasquale Bonasora, Anna Laura Orrico e ai loro mentor, i team hanno incontrato le amministrazioni locali per discutere dei loro progetti. Iniziano a intessere quelle relazioni fondamentali per la realizzazione dei loro progetti. Quando parlano dei loro progetti riescono a trasferirti la loro grinta e la loro voglia di andare fino in fondo.

Sarà anche per questo che tutti gli amministratori hanno dimostrato disponibilità e interesse a sostenere le idee dei ragazzi. Il sindaco di Rosarno, il dirigente al bilancio di Cosenza e il consigliere Giuseppe d’Ippolito, il Dirigente all’ambiente e per il centro servizi Condoleo di Catanzaro, l’assessore alla cultura e alle politiche sociali di Pizzo e il Presidente del Consorzio Jobel di Crotone, hanno manifestato la volontà di aiutare i team a costruire il rapporto con le comunità.

Insieme si è deciso di avviare un percorso di regolamentazione dei beni comuni. Primo step la stipula di un patto di collaborazione tra Goodwill, soggetto promotore, ciascun team e la rispettiva amministrazione. L’impegno a restituire il bene alla sua comunità generando un forte impatto sociale.

La sottoscrizione dei patti di collaborazione rappresenta un nuovo modo di gestire e valorizzare i beni comuni. Si abbandona, infatti,  il concetto di privatizzazione dei beni, perché l’azione parte dai ragazzi che avanzano proposte per il recupero e la cura di quel bene mettendo a disposizione le loro competenze. In questo modo anche altri cittadini possono inserirsi per ridare utilità sociale ed economica a quel bene comune.

L’accordo unanime delle amministrazioni di tutte e cinque le province testimonia già un grande risultato con il quale i team continuano il loro viaggio. A fine novembre incontreranno Gregorio Arena Presidente di Labsus, il Laboratorio per la sussidiarietà, fondato da lui nel 2005. Incontreranno di nuovo le amministrazioni locali, definendo gli obiettivi e l’efficacia della loro attuazione.