I nostri ragazzi sono entrati in una delle fasi più delicate del progetto. Dovranno iniziare a fissare con gli stakeolder già contattati partnership utili per la realizzazione della loro idea d’impresa. In questo momento più che mai è richiesta la presenza di un mentorPer il team di Rosarno i mentor saranno Maria Carmela Greco e Angelo Carchidi.

Si presentano da soli! Basta leggere i loro profili e le risposte che hanno dato alle nostre domande per capire il loro impegno sociale e lo spirito che muove i loro passi verso la condivisione del progetto di ArgoMens.

Chi sono e cosa fanno Maria Carmela Greco e Angelo Carchidi?

Maria Carmela: Sono laureata in Giurisprudenza ed abilitata alla professione di avvocato, ma ho lasciato la carriera forense per dedicarmi alla progettazione culturale e sociale, alla formazione sulle tematiche della cittadinanza e della cittadinanza attiva, all’animazione sociale e territoriale. Sono da sempre appassionata di comunicazione e sono anche giornalista pubblicista. Ho fatto parte del team di lavoro di Agenda 21 e registrazione EMAS dei Comuni di Villa San Giovanni e Reggio Calabria, occupandomi dell’attivazione del Forum e della redazione del Piano di azione ambientale. Ho fatto parte della redazione di Kiwi Deliziosa Guida di Rosarno.

Ho iniziato a fare associazionismo a 12 anni e non ho mai smesso, spesso dico che il mondo delle associazioni dà la possibilità di vivere da protagonisti di scelte e non da semplici attori e che chi può e sa fare, deve fare. Una vita impegnata nel mondo del terzo settore, ho ricoperto vari incarichi locali nelle mie diverse esperienze associative e prestato attività di volontariato con i ragazzi diversamente abili nelle associazioni Patto di Solidarietà e MedmArte progetto Diversamente Liberi. Sono presidente da 5 anni dell’Associazione di Volontariato Nuovamente, tra le più attive sul territorio di Rosarno. Faccio parte insieme ad Angelo del team del progetto FaRo Fabbrica dei Saperi di
Rosarno, tra i 5 vincitori di Culturability 2017 .

Angelo: Ho 28 anni e sono un architetto sui generis, in quanto applico le mie conoscenze da progettista nella cultura e nella promozione del territorio. Mi muovo tra Rosarno, Roma e Foligno, dove vivo attualmente. Nel 2012 insieme a Ettore Guerriero e a Giovanna Tutino sono tra gli ideatori di A di Città e del Festival della Rigenerazione della città di Rosarno. Sono un instancabile nomade ma con un forte senso delle radici nella mia terra natia. In Calabria sono ritornato a vivere per 2 anni, dopo l’università frequentata a Ferrara, ma alla ricerca di stimoli nuovi e un lavoro (più o meno) stabile sono ripartito verso gli Appennini del Centro Italia. Da quasi 4 anni promuovo progetti di coesione sociale nelle comunità in cui ho vissuto: prima a Rosarno, dove continua il lavoro di A di Città, ora anche in Umbria. Con A di Città abbiamo lavorato con i temi dell’ arte, dell’ambiente, dell’ architettura, dell’ agricoltura e dell’ autocostruzione.

A Rosarno abbiamo ospitato, presso le famiglie della città, più di 100 ragazzi provenienti da tutta Italia, abbiamo messo a confronto i rosarnesi con artisti, studiosi e danzatori di tutta Europa, di cui molti presenti per la prima volta in Italia, riqualificato diversi luoghi legati alla comunità. Con A di Città abbiamo pubblicato nel 2017 KIWI, deliziosa guida di Rosarno, libro di comunità con il contributo di oltre 50 autori, rosarnesi e importanti personaggi della cultura e dell’arte.La mia ricerca e la sperimentazione sui temi della rigenerazione urbana e l’innovazione sociale mi hanno portato a pubblicazioni di contributi all’interno di saggi, e a esperienze come tutor in laboratori di progettazione urbana e culturale. La mia passione per questi temi e l’amore che provo per la mia terra mi hanno spinto a rinvestire le mie energie e competenze su Rosarno partecipando a Culturability17 con il progetto FaRo, Fabbrica dei Saperi a Rosarno,risultato tra i 5 vincitori.

Come avete conosciuto i ragazzi di Argomens?
Maria Carmela: Ho conosciuto i ragazzi in quanto Responsabile del Progetto “ A scuola di Volontariato” vincitore del Bando Rondine con il Sud 2014 di Fondazione con il Sud che ha dato la possibilità a Sofia Castagna, una delle ragazze del Team ArgoMens, di frequentare il IV anno di Eccellenza Liceale a Rondine Cittadella della Pace ad Arezzo ed all’Associazione Nuovamente di realizzare un progetto di ricaduta sociale sul territorio sulle tematiche della cittadinanza attiva- beni comuni- la diversità come valore ed il mondo del volontariato.

Si è subito instaurato un rapporto di fiducia, stima ed empatia reciproca durante la realizzazione del progetto con i ragazzi, che è stato subito evidente ed è andato “oltre” il progetto. Fiducia che è stata ulteriormente confermata con la richiesta di diventare loro Mentor. Richiesta alla quale non ho potuto dire di no, ricordando le parole dei ragazzi alla fine del progetto “ A Scuola di Volontariato”: “Grazie per averci fatto conoscere un pezzo di Mondo migliore”.

Angelo: Ho conosciuto da vicino i ragazzi di Argomens attraverso Maria Carmela. Precedentemente, e in mezzo a tanti altri studenti, li avevo incontrati all’interno delle varie assemblee organizzate da A di Città all’interno del Liceo Scientifico. Da subito si è insturato un rapporto di confronto schietto e stimolante.
Sono felice di poter condividere con loro le loro ansie e sogni come un compagno più grande.
.
Cosa vi ha spinto ad investire in questo progetto e diventare loro mentor?
Maria Carmela : Ho deciso di investire su questo progetto e diventare mentor del team ArgoMens perché credo nella loro idea progettuale e nella funzione sociale e culturale che andrà a svolgere sul territorio. L’energia e la passione di questo team, nonostante le difficoltà già incontrate, è travolgente. Con il team ArgoMens faremo un percorso condiviso anche con FaRo, condividendo non solo spazi ma anche idee, sogni e progetti.

Angelo: In un territorio come Rosarno incontrare ragazzi che vogliono investire il loro tempo e le loro passioni su un bene comune e con la loro consapevolezza è un patrimonio che va nutrito e protetto. Soprattutto quando ho ascoltato le loro intenzioni e i temi del loro progetto mi sono convinto che fosse indispensabile mettere a loro disposizione conoscenze, reti e possibilità. La loro bella notizia legata al finanziamento di Giovani e Futuro Comune ha incontrato le buone soprese che stanno interessando il mio percorso a Rosarno. Con Maria Carmela e il team di FaRo è stato naturale accettare la loro proposta di collaborazione e di condivisione di uno spazio tanto importante per la città.

Un consiglio per tutti
Maria Carmela: Ragazzi credete nella forza dei vostri sogni, ricordatevi sempre di pensare al bene comune prima che a voi stessi, impegnatevi con responsabilità in una visione comune , in un percorso condiviso di crescita, guardando agli ostacoli come ad un’opportunità per dare del nostro meglio per i nostri territori. Buona strada!
Angelo: Comune è una parola immensamente importante in questo momento storico. Comune è condivisione, partecipazione, possibilità. Riempiamo di azioni e di significato queste parole, non lasciamole alle mode e ai discorsi vuoti, facciamole nostre con sensibilità e consapevolezza. Portiamo avanti i nostri impegni sui nostri territori con dedizione e mettiamoli a disposizione di tutti, guardando soprattutto chi resta indietro.